CORSO DI STORIA. I RUGGENTI ANNI VENTI (DEL '500). ECCESSI E PROIBIZIONI DI UOMINI STRAORDINARI

Storia

Docente Dennj Solera

  • ogni mercoledì alle 18

  • a partire da 75 euro

  • la prima lezione è aperta al pubblico

iscriviti al corso

ogni mercoledì, ore 18

Nel 2020 ricorreranno i cento anni dei mitici anni Venti, “The roaring Twenties”, una stagione che il cinema e la letteratura ci hanno descritto come spensierata, leggera, fatta di locali di svago ma anche di proibizionismo. Gli anni Venti del Cinquecento hanno molto in comune con questo decennio: fu una grande primavera per la cultura, l’arte, la libertà degli individui e il pensiero umano in ogni sua declinazione, poi drasticamente condannata dall’avvento della Controriforma cattolica. Negli incontri proposti seguiremo le vicende personali di cinque uomini che animarono questo fioritura intellettuale, ognuno a suo modo rivoluzionario. La storia non è più stata la stessa dopo ciascuno di loro.
Il primo sarà Raffaello Sanzio, pittore celeberrimo di cui nel 2020 ricorrono i cinquecento anni dalla morte. Seguirà un suo coetaneo, Martin Lutero, teologo e padre della Riforma protestante. Il terzo incontro sarà dedicato a Erasmo da Rotterdam, il principe degli umanisti che osò mettere in discussione la trinità e difese la dignità dell’uomo. Toccherà poi a Pietro Pomponazzi, filosofo aristotelico sostenitore della mortalità dell’anima. Infine si analizzerà il percorso di vita dell’imperatore Carlo V, figura cardine nella storia mondiale degli anni Venti, che nonostante la propria formazione umanistica e il mecenatismo rinascimentali fu uno dei padri del Concilio di Trento. Sarà proprio a Trento che gli eccessi dei “Ruggenti anni venti” verranno banditi senza eccezioni.

CALENDARIO DEGLI INCONTRI

19/02: Il pittore Raffaello: “Madre Natura temette di essere superata da lui”

26/02: Il teologo Lutero: il primo uomo moderno

04/03: L’umanista Erasmo: la libertà dell’uomo e il problema della trinità

11/03: Il filosofo Pomponazzi: la mortalità dell’anima

18/03: Il sovrano Carlo V: tra rinascimento e Controriforma

Cinque lezioni di un’ora e un quarto, la prima lezione è aperta al pubblico.